Wisdom of Life

Perché volontario di Croce Verde

Varie possono essere le motivazioni che spingono ad entrare in Croce Verde: svolgere un servizio che corrisponde alle proprie attitudini, diventare competente nel soccorso, seguire un amico, impiegare il proprio tempo, soddisfare una curiosità, mettersi alla prova, o altro ancora.

Il servizio vuol dire prima di tutto impegno, costanza, fatica e soprattutto tempo! Fare il volontario del soccorso non è uno scherzo.

Se vieni in Croce Verde riceverai anche molto: il sorriso di un paziente o il suo sfogo, l’amicizia del tuo equipaggio e la voglia di agire uniti, l’esperienza e l’esempio dei più anziani, la passione dei giovani.

Vieni quindi con le tue motivazioni, che sono uniche e personali. Ma alimentale e accrescile continuamente nelle relazioni con le persone.

Non ci servono supereroi, ma persone sensate che con sensibilità e la capacità acquisita mettano a disposizione gratuitamente il loro tempo, che sappiano accostarsi alle situazioni di bisogno e sofferenza, che vogliano essere cittadini consapevoli e responsabili del ruolo che assumono, che credano al valore del dono e del rispetto per tutti.

Se diventando volontario in Croce Verde avrai condiviso questi valori con gli altri volontari e li avrai testimoniati alle persone e ai pazienti che avrai accompagnato, Croce Verde avrà svolto il suo ruolo migliore.

“Volontario è la persona che mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per la comunità di appartenenza o per l’umanità intera. Egli opera in modo libero e gratuito” e alimenta “la passione per la causa degli esseri umani e per la costruzione di un mondo migliore”.

– Carta dei Valori del Volontariato – Fivol 2002 –