Wisdom of Life

Ciao CLAUDIO da lassù continua a guidarci

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Claudio Sbrignadello, ci ha lasciati ieri 24 marzo, dopo una breve, crudele malattia.

Un ricordo della vita associativa di Claudio:

Claudio era ancora giovane, aveva 66 anni, e fino a pochi giorni fa era ancora molto attivo nel suo lavoro di ginecologo, che amava con una passione straordinaria, nel quale era molto competente e tra i professionisti più stimati di Padova.

La Croce Verde lo “incontra” nel settembre del 1971.

Claudio aveva appena 18 anni, era un liceale che veniva dalla Parrocchia di Santa Sofia, dove era apprezzato come il bravo portiere della locale squadra di calcio.

In Croce Verde era allora attiva una squadra di calcio composta da Volontari che partecipava, con grande seguito ed entusiasmo, al torneo provinciale di calcio organizzato dall’ENAL per i lavoratori delle grandi aziende e di altri enti. C’era bisogno di un bravo portiere e, derogando dalle norme del regolamento interno della Pia Opera che prevedevano l’età minima di 21 anni per essere Volontario della Croce Verde, è stato iscritto “d’autorità” dall’allora comandante Alfredo Merlin come “Aspirante Milite”.

Lo “spilungone rosso”, un po’ timido ma simpatico, dimostrò di essere un grande acquisto … non solo sportivo, ma anche come attivo Volontario della Croce Verde nel servizio di soccorso agli ammalati, feriti e infortunati. Diceva spesso che l’ambiente della Croce Verde, incrociato per caso, lo aveva stregato perché si esercitava il suo ideale umano: la solidarietà nella amicizia!

Era il tempo, gli anni 70/80, nei quali i medici – Claudio nel frattempo si laureò brillantemente in medicina – in Croce Verde non erano molti ma erano molto motivati e soprattutto preziosi per la loro testimonianza di professionalità e spesso per la loro opera di formatori dei giovani Militi, come, appunto egli fu per un lungo periodo.

Si aggregò alla Squadra dell’1, capo squadra storico Umberto Bonan, con la quale mantenne sempre un solido e complice rapporto.

Claudio è sempre stato partecipe della vita dell’Associazione, anche se la sua professione, nella quale ebbe particolare successo e soddisfazioni, lo impegnava moltissimo. Nell’esercizio del suo lavoro di ginecologo Claudio è stato di una generosità e disponibilità straordinarie per le Volontarie e per le familiari dei Volontari della Croce Verde.

È stato in Consiglio Direttivo, una prima volta negli anni 90.

Aveva trasmesso la sua passione anche al figlio Marco, che lo seguì nel servizio di volontariato, nella medesima squadra di papà, fino a diventarne il Capo Squadra.

Il suo attaccamento e il suo affetto per la Pia Opera lo portarono nel 2010 a rientrare in Consiglio Direttivo e ad assumere, durante la presidenza Terrin, insieme al collega Claudio Bilato, l’impegnativo compito di riorganizzare la Scuola di Formazione, implementare la Direzione Sanitaria e gettare le basi per la nuova Croce Verde che, per effetto del nuovo sistema sanitario, deve coniugare la ricchezza del patrimonio del solidarismo del volontariato con la necessaria professionalità del servizio di emergenza e di trasporto sanitario.

Pur riluttante, accettò nella primavera del 2014 di fare il Presidente della Pia Opera, incarico che, pur svolto con entusiasmo e dedizione, dovette lasciare dopo solo pochi mesi, per una crisi interna del Consiglio Direttivo che lo lasciò profondamente amareggiato.

Il Suo cuore, pur in questa imprevista situazione, ha continuato ad essere di uno splendente “colore verde”. Claudio ha proseguito, anche in questo ultimo periodo, ad essere fonte di relazioni amichevoli, di simpatia e di grande affetto per amici e conoscenti della Croce Verde di Padova.

Il Suo nome resterà nella storia della Croce Verde; il Suo ricordo rimarrà per sempre nella mente e nel cuore di tutti i Volontari della Pia Opera che l’hanno conosciuto, apprezzato e gli hanno voluto bene.

Ciao Claudio, al ricordo storico della Tua appassionata militanza nella Croce Verde, voglio aggiungere il mio sentimento di amicizia, di affetto e di nostalgia per un cammino di tanti anni insieme condividendo idealità e operosa solidarietà.  (Ugo Lessio)

 

Volontario appassionato, ricco di ideali profondi e sinceri di un volontariato fatto di dedizione al prossimo, capace, nonostante il carattere a volte un po’ burbero, di trasmettere vicinanza ed amicizia.

Negli anni in cui con Claudio ho condiviso il lavoro in Consiglio Direttivo, ho sempre apprezzato la sua dedizione e la sua volontà di essere concreto e di giungere alla soluzione dei problemi.

Ha saputo testimoniare la disponibilità di condividere i valori veri del Volontariato di Croce Verde, fatti di passione, di confronto, di amore per il prossimo.

Continua a guidarci Claudio ed a stimolarci nel portare avanti sempre gli ideali di Croce Verde!

Il Presidente

Andrea Franco

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Archivio

turni-volontari
diventa volontario croce verde
fai-una-donazione